Vai al numero precedenteVai alla prima paginaVai al numero successivo

Vai alla pagina precedenteVai alla prima pagina dell'argomentoVai alla pagina successiva

Vai all'indice del numero precedenteVai all'indice di questo numeroVai all'indice del numero successivo
Scrivi alla Redazione di NautilusEntra  in Info, Gerenza, Aiuto
 
redarrowleft.GIF (53 byte) Arte Gennaio 1999 (a cura di Giovanna Grossato)

 

DONNE NELL’ARTE (28)

GINA PANE e la "Body Art"

Una frattura totale con la concezione tradizionale di arte si ha intorno al 1965 con l’Arte Concettuale che evidenzia il "concetto" dell’artista e privilegia la sua proposta piuttosto, che la realizzazione dell’opera. Quest’ultima, infatti, assai spesso manca del tutto o viene sostituita con la rappresentazione fotografica o filmica, compiuta da persone diverse dall’artista.

"Body Art", "Land Art", "Minimal Art", appartengono a questo filone che, negando validitÓ all’oggetto compiuto, all’opera d’arte, eliminando la possibilitÓ di venderla o comprarla, si pone contro la sua mercificazione, malattia fondamentale dell’etÓ moderna.

donne_p.jpg (15823 byte)La concettualista Gina Pane, nata a Biarritz in Francia, nel 1929, Ŕ una delle maggiori rappresentanti della Body Art italiana ; essa si serve del proprio corpo assumendo pose ed atteggiamenti per creare effetti estetici o per esplicitare sentimenti . Il suo modo di esprimersi Ŕ anche una prova della tendenza contemporanea al superamento dei confini fra le varie arti, nella pratica di quei fenomeni ottenuti dalla mescolanza dei mezzi linguistici, intermedia o mixed media. Teatro, danza, mimica, fotografia, infatti, spesso si riuniscono assieme in un unico effetto.

Truccando il suo corpo oppure ricorrendo a pratiche sado-maso, autoferendosi con lamette o infilandosi spilli e chiodi, Gina Pane raggiunge un’espressione drammatica o dolorosa che viene immortalata da una fotografia, in modo tale che la realizzazione effimera dell’idea rimanga documentata nel suo momento esecutivo

Ognuna di queste sue azioni costituisce una performance e sarebbe destinata ad esaurirsi e a concludersi in sÚ, se non fosse per la documentazione fotografica (o discografica, che unisce all’azione e ai gesti anche suono o rumore).

Giovanna Grossato

np99_riga_fondo.gif (72 byte)

                                           Copyright (c)1996 Ashmultimedia srl - All rights reserved