Index

MUSICA - Settembre 1998


La rivincita delle servette

Il teatro Verdi di Trieste ha messo in scena sei famose operette. Un genere, quello delle varie "Cin-ci-l", "Il conte di Lussemburgo" e "Parata di primavera", nato dalle ceneri dell'opera buffa settecentesca e che spesso faceva perno su donne astute, simpatiche e intriganti

"Operetta .... che passione" un vecchio detto che bene si adatta ai triestini e a tutte quelle persone che gravitano a Trieste per interessi musicali. Il termine "operetta" compare per la prima volta il primo marzo 1853 come qualificazione di un atto unico di Jules Viard musicato da Jules Bovary ed intitolato "Madame Mascarilla", ma le sue radici le possiamo trovare nell'opera buffa del settecento. Alcune di queste opere, come "La finta giardiniera", "La serva padrona" o "La Cecchina", hanno portato in scena donne intriganti ma astute e simpatiche che spesso costituivano il fulcro delle vicende: le "servette".

cincila_p.jpg (10441 byte)In francese "servetta" si dice "soubrette" e quando Herv ed Offenbach fecero spazio a questi personaggi, ecco apparire il termine "soubrette" per simboleggiare il soprano brillante simpaticamente spregiudicato e che si pone in antitesi con il soprano lirico o di coloratura. Un notevole impulso a questo genere di spettacolo si ebbe con Offenbach e nei suoi lavori messa bene in evidenza la satira e la parodia. Nell'ottocento si passa alle storie di semplici borghesi e di baldi giovanotti schizzati con ironia pungente contrapposta al patetismo delle prime donne. Numerosi sono gli autori che si sono dedicati a questo genere di spettacolo con fortuna alterna ma creando sempre dei lavori di grande interesse.

Veramente meritorio riscoprire tali opere e, come gi accennato, Trieste si pone veramente all'avanguardia in questa operazione culturale. Quest'anno l'operetta a Trieste era presente con ben sei titoli e due di essi, "Parata di primavera" e "Il conte di Lussemburgo" sono stati trasmessi sul terzo programma della Rai, giusto premio per produzioni di elevato interesse artistico.

La recensione si limita forzatamente a due sole operette non avendo potuto assistere a tutte le messe in scena. "Cin-ci-l" nata dal felice connubio di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato, binomio che ha dato alle scene un cospicuo numero di lavori. Protagonista era Elena Berera ottima artista dotata di una voce interessante e che sa stare molto bene in scena. Il ruolo di Ciclamino era sostenuto da Amedeo Moretti che si bene disimpegnato nella sua parte. Spassoso Riccardo Peroni nel ruolo di Blum; completavano la compagnia Gennaro Canavacciuolo, Silvia Gavarotti, Elio Veller, Lidia Koslovich nel doppio ruolo di narratrice e di regista del film che insito nella trama dell'operetta. Guerrino Gruber ha diretto con energia e precisione l'Orchestra del Teatro Verdi di Trieste.

conte_p.jpg (8836 byte)Ne "Il conte di Lussemburgo" la figura del protagonista era impersonata da Bruno Lazzaretti mentre Angela Didier era Chiara Taigi: due cantanti abituati all'opera lirica ma che si sono molto bene adattati a queste parti con molto brio e con una perfetta recitazione. Bravissima Chiara Noschese nella parte di Giulietta Vermont ed irresistibili Gianna Coletti nella parte della Contessa e Paola Bonesi nella parte della cameriera. Ma un plauso va dato a tutta la compagnia, da Alessandro Spadorcia a Ugo Maria Morosi, a Stefano Consolini fino a Saverio Bambi nei panni del deforme notaio ed a tutti gli altri. Julian Kovatchev ha diretto con molta raffinatezza la splendida partitura di Franz Lehar.

 

Luciano Maggi